top of page
  • Immagine del redattoreLa Redazione

Grottaferrata candidata a Capitale Italiana del Libro 2024

Per il secondo anno consecutivo, Grottaferrata è tra le città italiane in


lizza per il titolo di “Capitale Italiana del Libro 2024”. La candidatura a


questo importante riconoscimento nazionale, conferito dal Ministero della


Cultura, parte dalle numerose iniziative sul tema del libro attivate


dall’Amministrazione Di Bernardo nel corso del 2022 e del 2023, unite alle


progettualità in corso avviate in convenzione con prestigiosi atenei del

Lazio.

“Il nostro obiettivo è mettere a sistema tutti i fattori che rendono


Grottaferrata, a tutti gli effetti, città del libro – spiega il Sindaco


Mirko Di Bernardo –. Partendo dalla promozione della lettura tra la


cittadinanza attraverso la rassegna letteraria permanente, che ha ospitato


decine di autori, passando dalle presentazioni realizzate in collaborazione


con l’associazionismo locale e i componenti del Patto per la Lettura, fino


ad arrivare alle convenzioni stipulate con l’Università di Tor Vergata,


l’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum e L’Università Europea di Roma per


l’istituzione nella nostra città della ‘Scuola del Libro’ e del ‘Nilianum’,


sedi universitarie incentrate sullo studio e la ricerca sul tema del libro


antico e del restauro”.

Il libro antico è profondamente legato alla storia criptense. L’Abbazia di


San Nilo è infatti sede del primo laboratorio a carattere scientifico


fondato in Italia per la salvaguardia del patrimonio bibliografico, autore


di prestigiosi restauri tra i quali il Codice Atlantico di Leonardo Da


Vinci.





Grottaferrata, inoltre, è dal 2011 “Città del Libro”, menzione speciale


ottenuta per aver recuperato le tradizioni che legano il libro alla città,


e “Città che legge”, titolo ottenuto a seguito dell’adesione al progetto


del MiC per la promozione della lettura a livello locale.





“Il coinvolgimento dei giovani e delle scuole riveste un ruolo preminente


sia nelle progettualità attivate dalla nostra Amministrazione, sia nel


progetto presentato in sede di candidatura – continua il Sindaco –. Ciò si


collega alla fruizione di nuovi luoghi della cultura, come il Teatro-Cinema


comunale AlFellini e la nuova aula consiliare e sala mostre che sorgerà


grazie ai fondi PNRR sostituendo l’ex Mercato Coperto, che ospiteranno


eventi e iniziative culturali incentrate sul libro”.





La città vincitrice del bando riceverà 500.000 euro di fondi per realizzare


i progetti presentati in fase di candidatura. Oltre Grottaferrata, le altre


città candidate sono Butera, Colleferro, Gaeta, Gallipoli, San Mauro


Pascoli, Taurianova, Terni, Tito, Trapani.


“Essere per il secondo anno tra le città candidate a ricevere questo


importante riconoscimento è per la nostra Amministrazione un grande onore,


che conferma la validità di un percorso culturale avviato nell’ultimo anno


e mezzo con l’obiettivo di rendere la lettura un’abitudine sociale diffusa


e allo stesso tempo una risorsa per il turismo e lo sviluppo del


territorio, che ne valorizzi i punti di forza partendo dalle sue origini


storiche e guardando al suo futuro – conclude il Sindaco –. Ringrazio, per


il sostegno dato alla candidatura di Grottaferrata, la Direzione Regionale


Musei Lazio, l’Università di Tor Vergata, i 17 Comuni facenti parte del


Consorzio SCR e diversi Comuni del Percorso Niliano, di cui Grottaferrata è


capofila. Ringrazio la Giunta, i Consiglieri e gli uffici comunali per


l’impegno profuso in tutte le progettualità che hanno permesso a


Grottaferrata di giungere a questa candidatura”.


Federico Smacchi,


Ufficio Stampa del Comune di Grottaferrata


Comments


bottom of page